Nun m’accuntento d”a Luna

Nun avè paura
quanno m’arapo
comme nu ciore,
nè quanno canto
comme n’auciello
int”e primme lluce
d”o juorno: je risponno
d”a luce toja,
comme ‘a cosa
chiu naturale d”o munno.
E si’ tu te stutasse
all’intrasatto,
je rimmango zittu zitto,
int’ ‘o scuro – nun t”o dico,
pecchè ‘ncopp’ ‘a faccia d”a Terra
esiste sulamente nu Sole,
comm’è Dio,
e je nun m’accuntento
d”a Luna: vaco truvanno
‘o Paraviso.

Hedy Lamarr in “Ziegfeld Girl” by Robert Z. Leonard, 1941

Traduzione: Non mi accontento della Luna

Non aver paura
quando mi apro
come un fiore,
né quando canto
come un uccello
nelle prime luci
del giorno: io rispondo
della tua luce,
come la cosa
più naturale del mondo.
E se tu ti spegnessi
all’improvviso,
io rimarrei in silenzio,
nel buio – non te lo dico,
perché sulla faccia della Terra
esiste solamente un Sole,
com’è Dio,
e io non mi accontento
della Luna: vado cercando
il Paradiso.

Sulle spine come fra le rose

Oggi il sole splende sulla città, il cielo è azzurro carico, trasmettendo così la voglia vivace di starsene all’aria aperta, magari in un parco circondati dal verde, oppure di fronte al mare con il suo inconfondibile profumo di salsedine. Talvolta si è travolti da uno stato di grazia e di quiete in cui si spengono la fame e la sete.
La luce estiva, bianca, mi elettrizza: mi sento sulle spine come fra le rose.
Insistente è il profumo dei fiori, delle piante e delle foglie.
È di rosa, di rosso e di arancione, che si tingono i tramonti i quali mi trasportano in uno stato di malinconia dolce: l’aria si rinfresca e mi culla, ma al contempo mi avverte che il lungo giorno, appena trascorso, è perduto per sempre… eppure, il giorno seguente la magia, instancabile, si ripete.

Sulle spine come fra le rose,
si vive così la bella stagione.

Na questione ‘e core

Camminanno int”a nu rione,
o dint”e vicoli ‘e Napule,
t’abbracciano ‘e culori
d”e panni spasi ‘o sole.

E fosse sulo chesto!
Quanno vene a chiovere,
nun saje che canzone:
‘mmiezo ‘e schizzechi d’acqua
ca scenneno, vanno saglienno
‘e voce d”e femmene.

Chiammano a chella là
‘e rimpetto, dicenno: “signo’
sta chiuvenno!”.

Pecchè ‘e panni spasi
‘o sole addiventano
‘questione ‘e rione, addò
ij nun guardo sulo ‘o mmijo
ma pure ‘o ttuojo

addò pure, avvote, coccuruno
s’ piglia ‘o spavo ‘ncerato*
‘e còsere, a coppa ‘e panni,
storie ‘e quartiere: ‘nciuci
ca ‘nfonnono chiù assaje
‘e ddoje gocce d’acqua
c”a llimite te benediceno,
senza fa’ chiacchiera.

Pecchè ogni panno
spaso ‘o sole conta
‘na storia, ma p”a leggere
nun serve avè fatt”a scòla.

Pecchè cà ‘a verità è una sola,
senza fa’ troppî storie:
‘e panni spasi, a Napule,
song”na questione ‘e core.

~~~
* pigliarse ‘o spavo ‘ncerato:
l’espressione che letteralmente si traduce prendersi lo spago impeciato significa: prendersi un gran fastidio, impegnandosi in un’azione lunga, noiosa e quindi fastidiosa.
L’espressione è mutuata dal lavoro del calzolaio che quando deve cucire una suola o un tomaio deve fare uso di uno spago che, perché sia più resistente, viene prima attentamente impeciato (‘ncerato), operazione lunga, noiosa e fastidiosa.

Immagine reperita dal web

~

Traduzione: Una questione di cuore

Camminando in un rione,
o nei vicoli di Napoli,
ti abbracciano i colori
dei panni stesi al sole.

E fosse solo questo!
Quando arriva la pioggia,
non sai che canzone:
fra le gocce d’acqua
che scendono, vanno salendo
le voci delle donne.

Chiamano quella
accanto, dicendo: “signora,
sta piovendo!”.

Perché i panni stesi
al sole diventano
faccenda di rione, dove
io non guardo solo al mio,
ma anche al tuo

dove pure, a volte, qualcuno
si prende la briga
di cucire, sopra ai vestiti,
storie di quartiere: pettegolezzi
che bagnano più
di due gocce d’acqua
che al massimo ti benedicono,
senza fare chiacchiera.

Perché ogni panno
steso al sole racconta
una storia, ma per leggerla
non serve aver fatto la scuola.

Poiché, qui, la verità è una sola,
senza fare troppe storie:
i panni stesi, a Napoli,
sono una questione di cuore.

L’immagine di te

Come l’alba dentro i vicoli
Mi sorprende il tuo calore
Fingo ancora di dormire sai
Mentre scivoli da me

La tua assenza ha molte vittime
Io che non so più aspettare
Crollano chiese infallibili
Sulle spalle degli eroi

L’immagine di te
L’immagine
Che il desiderio
Non fa spegnere
L’immagine di te
L’immagine
Che il desiderio
Non fa spegnere

L’amore che fa impazzire gli dèi
Svanisce nei giorni che non avrò mai
Io dove sarò?
Tu dove sarai?

Notte che già scioglie i vincoli
Scopro al vento il mio dolore
Colmo il vuoto con i simboli
Mentre fuggi via da me

L’immagine di te
L’immagine
Che il desiderio
Non fa spegnere

L’amore che fa impazzire gli dèi
Svanisce nei giorni che non avrò mai
Io dove sarò
Tu dove sarai
L’amore che mi separa da lei
Raccoglie la guerra che è parte di noi
Io dove sarò?
Tu dove sarai?

(Radiodervish)

D”a strada ‘e casa

Vola ‘n cielo nu gabbiano
c’ha perzo ‘a strada ‘e casa,
ma va vulanno
comme se stesse ancora
‘mmiezo ‘o mare,
pecchè chesto s’è ‘mparato:
‘e jí annanzo c’ ‘o penziero
‘e truva’ sempe n’onna
ca, primma o ddoppe,
saglienno, t’aize
o t’affonna.
E, se vulimmo,
‘a strada ‘e casa
è carezze e mazzate,
addò pure l’onna cchiù ddoce
è sempe salata.
Ma l’essere umano
cresce doppe ca cade,
comme ‘na semmenta ‘e grano
fatta p’addiventa’ pane.

Consuelo Arantes

Traduzione

Titolo: dalla strada di casa

Vola in cielo un gabbiano
che ha perso la strada di casa,
ma va volando
come se stesse ancora
in mezzo al mare,
perché questo ha imparato:
di andare avanti con il pensiero
di trovare sempre un’onda
che, prima o dopo,
salendo, ti alza
o ti affonda.
E, se vogliamo,
la strada di casa
è carezze e mazzate,
dove pure l’onda più calma
è sempre salata.
Ma l’essere umano
cresce dopo che cade,
come un seme di grano
– fatto per diventare pane.

Alla scrittura

Sei volata lontano,
non so più come prenderti,
ma a lungo mi hai tenuto
la mano – ferma –
per combattere il tremolìo
della mia anima che fremeva.
Attraverso te ho guardato
meglio me stessa,
mi sono scoperta bella,
mi hai reso allegra.
Ma ora dov’è la tua voce?
Hai forse concluso
la tua opera?
Poiché non sento più
il bisogno di te – se mai
sia stata mia – ma solo
un capriccio a volte:
un brulichìo alle dita
come se avessi ancora
qualcosa da scrivere,
ma ora chissà che non sia
soltanto un riflesso
condizionato dalla voglia
del mio ego – di sentirsi
grande fra le righe
di un quaderno.

Voce bianca

Se il Sole è l’occhio di Dio
che illumina il giorno
per meglio osservare,
piuttosto che per
essere visto, la Luna
è la sua bocca di latte
che non parla,
ma si lascia ammirare
da coloro che scriveranno
parole dettate
dalla sua voce bianca.
Così in cielo è stagliata
una poppante, pallida,
come fosse morta,
giacché non piange,
eppure ciò basterà
ad accendere un sogno
in chi la guarda.

immagine reperita dal web

Perfezione apparente

Sono come un fiocco di neve:
bianca, quasi trasparente,
forse fredda: mi puoi
osservare, puoi ammirare
la mia perfezione apparente,
ma senza sperare
di vedermi cadere,
né davanti ai tuoi piedi
né nelle calde tue mani,
giacché mi perderei in te,
sciolta, come la neve:
una goccia d’acqua
nel palmo della tua mano
spoglia come un ramo
– saldo al suo albero.
Sarei una semplice
goccia che non disseta
né bagna: sarebbe la fine
della bellezza a cui tanto
aneli e che, ammirando,
t’incanta; e non volendo,
– non volendo! – in principio,
sempre, t’inganna: tanto vale
lasciarmi solitaria nella bianca
e dolce, tenue, aria.

Ca nisciuno me sbatte ‘e mane

Me manca l’aria,
chell’aria ‘e mare
ca te porta luntano,
senza te fa movere:
sbattenno essa sola
‘e mane. Allora te saglie
‘a ‘int’ a ll’uocchie nu calore
e addivienti tu stesso
‘o cielo ca chiagne,
comme se l’acqua ‘e mare
te fosse sagliuta ‘ncanno
e t’ascesse sotto ‘a forma
‘e lacrime: è ‘o calore
ca t’ha dato, senza nulla
a pretennere pe’ scagno.
Ma mo nun tengo ‘o mare
annanzo, accussì chiagno,
chiagno – me manca l’aria,
chiagno pecchè nisciuno
me sta sbattenno ‘e mane.

TRADUZIONE: qui nessuno mi batte le mani

Mi manca l’aria,
quell’aria di mare
che ti porta lontano,
senza farti muovere:
sbattendo essa soltanto
le mani. Allora ti sale
dagli occhi un calore
e diventi tu stesso
il cielo che piange,
come se l’acqua del mare
ti fosse salita in gola
e ti uscisse sotto forma
di lacrime: è il calore
che ti ha donato, senza nulla
pretendere in cambio.
Ma ora non ho il mare
davanti, così piango,
piango – mi manca l’aria,
piango perché nessuno
mi sta battendo le mani.

PRONUNCIA

M manc l’aria,
chell’aria ‘e mar
ca t port luntan,
senza t fa movr:
sbattenn essa sol
‘e man. Allor t saglie
‘a ‘int’ a ll’uocchie nu calor
e addivient tu stess
‘o ciel ca chiagn,
comm si l’acqua ‘e mar
t foss sagliut ‘ncann
e t’ascess sott ‘a form
‘e lacrim: è ‘o calor
ca t’ha dat, senza nulla
a pretennr p’ scagn.
Ma mo nun teng ‘o mar
annanz, accussì chiagn,
chiagn – m manc l’aria,
chiagn pcchè nisciun
me sta sbattenn ‘e man.

Libri letti nel 2019 – seconda e ultima parte

Dopo la prima parte, concludo con la seconda parte che riguarda questi libri:

  • Storia di Ásta, Jón Kalman Stefánsson;
  • Il libro del riso e dell’oblio, Milan Kundera;
  • Demian, Hermann Hesse;
  • Il sentiero dei nidi di ragno, Italo Calvino;
  • L’amante di Lady Chatterley, David H. Lawrence.

APPROFONDIMENTO

Le prime cose che ricordo del romanzo di “Storia di Ásta” sono: i tantissimi salti temporali, i diversi personaggi che si alternano raccontando i propri ricordi, le atmosfere gelide e cupe tipiche dell’Islanda e, non per ultima, la voce narrante che appare come nulla fosse tra le pagine… ed io che mi chiedevo “ma ora chi è che sta parlando?!”, poi, ho capito che era l’autore stesso. Libro che ha cercato davvero di superarsi, con anche l’introduzione di riflessioni riguardo la poesia e accenni di musiche. Storia di Ásta inizia proprio con la sua nascita, anzi, con la passione dei suoi futuri genitori ancora molto giovani. Ma nel corso del libro si intrecceranno alla sua storia anche quelle delle persone che le sono state vicine, fra ricordi, rancori, affetti, nostalgie… insomma, un miscuglio di sentimenti e di emozioni da cui il lettore rischia davvero di farsi risucchiare! A me, personalmente, è piaciuto.

“Il libro del riso e dell’oblio”, di Milan Kundera, contiene invece una serie di racconti, ma sono racconti molto diversi fra loro a mio parere, tant’è che solo alcuni mi hanno colpita particolarmente, direi che c’è davvero tanta fantasia contenuta in essi o, almeno, è la prima cosa che mi viene da dire ripensando a questo libro. Il racconto che più mi è piaciuto è, non a caso, quello autobiografico, “gli angeli”, il quale sembra davvero staccarsi dagli altri racconti.

“Demian”, di Hermann Hesse, è un romanzo di formazione la cui lettura credo lasci riflettere, anche se, secondo me, qualche volta ha sfiorato appena la retorica. Ne ricordo l’atmosfera mistica, fatta di simboli, e misteriosa. Emil Sinclair ne è il protagonista, inizialmente solo un bambino di dieci anni. Mi piacquero in particolare le prime pagine in cui Emil piano piano scopre il confine tra due opposti che convivono insieme: il bene, che si trova entro le mura della sua casa dove respira un’atmosfera ovattata, sicura e pulita; il male, che è il mondo, oscuro, complesso e sporco, dove si trova non appena chiude alle proprie spalle la porta della sua casa, ma è un male che eccita il giovane Sinclair, è un male che lo farà crescere. E crescerà, ma non certo da solo, bensì seguendo le orme di una guida… spirituale.

Anche ne “Il sentiero dei nidi di ragno”, di Italo Calvino, il protagonista è un bambino. Un bambino di nome Pin, abbastanza spiritoso, oltre che molto curioso come lo si è naturalmente a quest’età, il quale vorrebbe anche lui misurarsi con coloro che maneggiano armi. Il romanzo, infatti, è ambientato durante la Seconda guerra mondiale e la Resistenza partigiana. Rispetto al libro precedente, ricordo invece particolarmente la fine… e non ve la dico eh, ma richiama un’immagine tenera la quale mi rubò anche un sorriso. Per quanto riguarda tutto il libro, sicuramente non vi annoierà! Essendo carico di azione.

L’amante di Lady Chatterley, di David H. Lawrence, all’epoca fece molto scandalo per alcune scene intime, descritte nel libro, in modo accurato. Personalmente, pensavo di trovare di peggio! Ma nel libro c’è anche altro, per esempio, attraverso questo libro ho conosciuto tantissimi nomi di fiori! E non sto scherzando. Inoltre è anche criticata l’industrializzazione, dato che ci troviamo nell’Inghilterra degli anni Trenta, quindi è anche un libro di condanna. La protagonista è Costance, detta Connie, con alle spalle una famiglia benestante, la quale sposa Clifford Chatterley… potrei ora aggiungere un particolare, ma lo terrò per me.
Non lo reputo un libro superficiale, credo abbia ben descritto gli atteggiamenti e le caratteristiche dei vari personaggi, ho percepito inoltre una certa profondità di pensiero in alcune pagine. Ricordo la bellezza dell’abbandonarsi all’amore da parte della protagonista e la riscoperta di se stessa. Qualche scena si direbbe prevedibile, mentre per qualche altra non metterei così facilmente la mano sul fuoco.

📚 fine 📚