Voce bianca

Se il Sole è l’occhio di Dio
che illumina il giorno
per meglio osservare,
piuttosto che per
essere visto, la Luna
è la sua bocca di latte
che non parla,
ma si lascia ammirare
da coloro che scriveranno
parole dettate
dalla sua voce bianca.
Così in cielo è stagliata
una poppante, pallida,
come fosse morta,
giacché non piange,
eppure ciò basterà
ad accendere un sogno
in chi la guarda.

immagine reperita dal web

Perfezione apparente

Sono come un fiocco di neve:
bianca, quasi trasparente,
forse fredda: mi puoi
osservare, puoi ammirare
la mia perfezione apparente,
ma senza sperare
di vedermi cadere,
né davanti ai tuoi piedi
né nelle calde tue mani,
giacché mi perderei in te,
sciolta, come la neve:
una goccia d’acqua
nel palmo della tua mano
spoglia come un ramo
– saldo al suo albero.
Sarei una semplice
goccia che non disseta
né bagna: sarebbe la fine
della bellezza a cui tanto
aneli e che, ammirando,
t’incanta; e non volendo,
– non volendo! – in principio,
sempre, t’inganna: tanto vale
lasciarmi solitaria nella bianca
e dolce, tenue, aria.

Ca nisciuno me sbatte ‘e mane

Me manca l’aria,
chell’aria ‘e mare
ca te porta luntano,
senza te fa movere:
sbattenno essa sola
‘e mane. Allora te saglie
‘a ‘int’ a ll’uocchie nu calore
e addivienti tu stesso
‘o cielo ca chiagne,
comme se l’acqua ‘e mare
te fosse sagliuta ‘ncanno
e t’ascesse sotto ‘a forma
‘e lacrime: è ‘o calore
ca t’ha dato, senza nulla
a pretennere pe’ scagno.
Ma mo nun tengo ‘o mare
annanzo, accussì chiagno,
chiagno – me manca l’aria,
chiagno pecchè nisciuno
me sta sbattenno ‘e mane.

TRADUZIONE: qui nessuno mi batte le mani

Mi manca l’aria,
quell’aria di mare
che ti porta lontano,
senza farti muovere:
sbattendo essa soltanto
le mani. Allora ti sale
dagli occhi un calore
e diventi tu stesso
il cielo che piange,
come se l’acqua del mare
ti fosse salita in gola
e ti uscisse sotto forma
di lacrime: è il calore
che ti ha donato, senza nulla pretendere in cambio.
Ma ora non ho il mare
davanti, così piango,
piango – mi manca l’aria,
piango perché nessuno
mi sta battendo le mani.

PRONUNCIA

M manc l’aria,
chell’aria ‘e mar
ca t port luntan,
senza t fa movr:
sbattenn essa sol
‘e man. Allor t saglie
‘a ‘int’ a ll’uocchie nu calor
e addivient tu stess
‘o ciel ca chiagn,
comm si l’acqua ‘e mar
t foss sagliut ‘ncann
e t’ascess sott ‘a form
‘e lacrim: è ‘o calor
ca t’ha dat, senza nulla
a pretennr p’ scagn.
Ma mo nun teng ‘o mar
annanz, accussì chiagn,
chiagn – m manc l’aria,
chiagn pcchè nisciun
me sta sbattenn ‘e man.

Zittu zitto

Zittu zitto
‘o fuoco sta ‘int’ ‘a muntagna,
zittu zitto ‘o chiovere
s’incuraggia,
accussì ‘a fiamma
saglie, ma sulagna:
sulitaria s’arraggia,
sotto a l’acqua,
e se stuta ogni speranza.

•••

Zitto zitto
il fuoco sta nella montagna,
zitta zitta la pioggia
s’incoraggia,
così la fiamma
sale, ma solitaria:
sola si arrabbia,
sotto l’acqua,
e si spegne ogni speranza.

Dicembre

Dicembre è la luce
fredda e bianca
di una giovane alba,
mentre gli anziani
rami – neri e spogli
affondano le loro
lunghe unghie
nel cielo che si tinge
di grigie nuvole:
non ci sono carezze
da parte del vento,
sulle foglie ormai cadute,
solo il silenzio della morte
e questa tenue e pallida luce
che riflette la fine delle cose.

Rinnovamento

È terminata un’era –
su un foglio bianco
soffio via la mina
che sporcherebbe
il foglio se solo appena
la sfiorassi con le dita:
non va ritoccato
ciò che è finito,
il termine di un ciclo.
Soffio via la mina
a costo di togliermi
un poco di respiro,
purché sia rinnovato
il mio cammino
ed un nuovo disegno
mi lasci senza respiro.