Nient’altro che brina

Si aggirano di notte
i fantasmi di persone
non ancora morte:
il loro cimitero
è la mia mente
che le accoglie
come fossero cadute,
dall’alto degli alberi,
foglie: per andarsene,
poi, dalle mie terre,
come nulla fosse.
E cadranno, cadranno
di nuovo le foglie,
sulla terra fredda
e umida della notte,
su cui non ci sarà altro
che brina attaccata
a foglie ormai morte.

{poesia suscitata dalla canzone sottostante}

22 pensieri su “Nient’altro che brina

    1. Oh, Franz, che bella la canzone da te postata! Foglie morte… esprime proprio la stessa cosa che descrivevo nella poesia. Anch’io con le foglie alludevo alle persone, alle persone di cui abbiamo il ricordo e che ritornano nella nostra mente. La brina voleva rappresentare magari le lacrime, oppure, quel sentimento particolare – nostalgia – che resta attaccato al ricordo di quelle persone.
      Eh sì, hai detto bene: foglie che ancora volano.

      Piace a 1 persona

      1. Ah 😊
        Beh, è molto bella 😊 poi amo l’oscurità quindi…

        Comunque se era la canzone a guidare i pensieri magari stasera, prima della ninna, ascolta lullaby in winter dei Green Carnation 😊
        Cosi alterniamo un po’ tenebre e luce 😁

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.